fbpx

Storia Del Panettone: conosci le sue origini?

06
Dic
2018
storia del panettone

Conosci la storia del panettone e delle sue origini? Anche se, in Italia, ogni regione ha il suo dolce natalizio tipico, l’egemonia del panettone rimane sempre imbattuta. In pochi, però, conoscono la storia e la leggenda che sono legate alla creazione di questo classico della tradizione italiana. Per essere precisi, la sua origine è lombarda, anzi milanese.

Pare che una prima versione del dolce esistesse già nel Duecento, sotto forma di pane arricchito da lievito, miele e uva secca. La tradizione vuole che la sua nascita sia però legata ad alcune leggende ambientate nella Milano di fine ‘400.

Leggenda Del Panettone

Qual è la vera storia del panettone e perchè il dolce di Milano si chiama così? Esistono ben tre leggende legate all’origine del dolce natalizio, che rendono abbastanza incerta la verità sulla sua nascita. La storia del panettone si perde infatti tra le pieghe della storia di Milano e si confonde con la leggenda.

Sono tre le vicende più note, riportate anche nella scheda per il “riconoscimento Deco” (Denominazione comunale) del panettone. Una prima leggenda, la meno conosciuta, narra delle gesta di un innamorato finalizzate ad aiutare l’attività del padre della sua amata. La seconda, sicuramente più famosa, racconta di come il panettone sia stato preparato alla corte di Ludovico Maria Sforza (Il Moro), duca di Milano dal 1480 al 1499. La terza, invece, si svolge presso un convento di giovani suore, dove venne realizzato un pane dolce appositamente per festeggiare il Natale.

Chi Ha Inventato Il Panettone

Sembra che la storia del panettone sia più verosimilmente legata a un umile sguattero che lavorava alla corte di Ludovico il Moro. Al cuoco di corte fu demandato di preparare un sontuoso pranzo di Natale a cui avrebbero partecipato molti nobili del circondario, compreso di dolce. Quest’ultimo, dimenticato nel forno, quasi si carbonizzò. Fu proprio in questa situazione disperata che Toni, lo sguattero di cucina, ebbe un’intuizione che avrebbe in seguito fatto storia: creò un dolce con quanto rimasto, ovvero farina, burro, uova, scorza di cedro e uvetta.

Ludovico e i suoi ospiti accolsero il nuovo e insolito dolce con entusiasmo, e vollero conoscere il nome di chi aveva inventato la specialità. Fu così che, da quel momento in avanti, si iniziò a riferirsi al nuovo dolce come “Pan de’ Toni

Panettone Significato

Il significato del suo nome si può facilmente capire una volta conosciuta la storia del panettone. Si tratta infatti della storpiatura, avvenuta nel corso dei secoli, della prima denominazione del dolce.

Il suo creatore, l’umile sguattero Toni, ottenne l’ammirazione della corte degli Sforza per aver “salvato” il sontuoso pranzo natalizio, che rischiava di terminare in disfatta a causa del dolce “ufficiale” che venne dimenticato in forno e bruciato dal cuoco. Per ringraziarlo del gesto, i nobili iniziarono a chiamare il dolce “Pan de’ Toni” ovvero il pane di Toni.